| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • You already know Dokkio is an AI-powered assistant to organize & manage your digital files & messages. Very soon, Dokkio will support Outlook as well as One Drive. Check it out today!

View
 

Capi di imputazione

Page history last edited by PBworks 16 years, 11 months ago

 

 

Capi di imputazione

 

In questa pagina si raccoglieranno i "capi di imputazioni", si identificheranno, cioè, le principali ragioni per cui intendiamo mettere sotto processo le tecnologie didattiche.
Aggiungete di seguito il vostro contributo facendolo precedere dal vostro nome e chiudendo il contributo con una "linea orizzontale" (bottone a sinstra di "insert plugin") 

Gianni Marconato

Questo è lo script dell'intervento di lancio dell'idea che avevo fatto a Genova - ZenaCamp. Qui in formato slide
La questione è: le tecnologie usate nella scuola e nella formazione hanno prodotto risultati tali da giustificare gli investimenti, soprattutto pubblici, fatti?

Lamontagna di risorse allocate:

 

  • intelligenze di studiosi
  • energie, tempo ed entusiasmo di operatori
  • soldi
  • macchine e software
ha partorito il classico topolino? Se ascoltiamo la voce ufficiale, qui in Italia,
  • stampa
  • istituzioni
  • università
  • industria
  • eccccc…..

sembra si stia navigando con il vento in poppa:

  • attività in espansione (vedi ultimo rapporto ANAEE-CNIPA sullo stato dell’e-learning in Italia)
  • quasi tutte le università sono on-line
  • investimenti pubblici in espansione (bandi regionali, nazionali,
  • articoli su stampa generalistica e specialistica che pontificano sull’utilità delle tecnologie nella
  • scuola
  • esplosione dei titoli di pubblicazioni specialistiche in libreria

Però, vai a guardare le attività che si fanno e non trovi tanti report che descrivano cosa sia stato fatto o meglio, i diversi report descrivono l’attività ma dicono assai poco, anzi tacciono, sugli effetti, sui risultati di quella attività.

Si tace su come i destinatari abbiano vissuto l’esperienza.

Quando si legge qualcosa su questionari compilati dai destinatari, si vedono, spesso, domande fatte in modo tale da non avere risposte sgradevoli, ovvero si intervistano persone compiacenti

 

Ma come la pensano veramente gli utenti?

Posso citare solo alcune mie esperienze dirette (azioni in cui ho fatto il monitoraggio) ed i pareri sono tra il molto negativo all’insoddisfacente.

Guardando statistiche di partecipazione si nota una “mortalità” consistente, fino anche al 90%

Un numero crescente di insegnanti, che hanno usato le tecnologie con la classe, manifestano insoddisfazione (vedi i vari blog degli stessi)

Anche in convegni “ufficiali” senti sempre più spesso levarsi voci che segnalano “problemi” con le tecnologie usate a scopo didattico.

Sorge, allora, la necessità di porsi la domanda fatta in apertura e, più in dettaglio, :

  • quali sono i risultati reali di anni di usi didatti delle tecnologie?
    • Che fine hanno fatto i soldi pubblici investiti?
    • Quali sono gli impatti di tanta ricerca universitaria?
  • Siamo di fronte all’ennesimo fallimento dell’uso didattico delle tecnologie?
  • Possiamo parlare di usi diversificati (modelli, strategie didattiche, strategie organizzative) delle tecnologie che sono problematici/fallimentari ed altri che non lo sono?

La questione è complessa e non penso di trarre qui ed ora una risposta definitiva, ma voglio lanciare l’idea di organizzare un vero e proprio “processo”alle tecnologie didattiche con tanto di accusa, difesa, PM, giudici, testimoni a carico ed a discarico …….


 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.